Debito Enel: la città rischia di restare al buio

I debiti milionari che il Comune di Catania ha nei confronti dell'azienda della luce Enel rischiano di lasciare al buio l'intera città, già a Librino la luce è spenta da mesi

Pasqua turbolenta per il Comune di Catania, alle prese con i debiti milionari nei confronti dell’azienda Enel, che adesso rischia di lasciare al buio un'intera città. Già qualche anno fa, nel 2008 quando il sindaco era ancora Scapagnini, nessuno faceva più credito a Palazzo degli Elefanti e in strade e piazze i lampioni sono rimasti spenti per un lungo periodo.

Analoga situazione sta succedendo ora a Librino: le tenebre avvolgono il quartiere da così tanto tempo che i residenti non ci fanno quasi più caso e, quando si chiede loro se la luce c'è o meno, alzano le spalle.

"Da quasi un anno lamentiamo la mancanza di illuminazione pubblica - spiega Sara Fagone della Cgil di Librino a Italpress - e tutt'oggi la luce c'è solo a macchia di leopardo. Ampi tratti di Viale Castagnola e Viale Moncada, ad esempio, sono in pieno blackout. Siccome non ci sono nemmeno negozi, non possiamo contare nemmeno sulla luce delle insegne. Alcuni residenti delle cooperative hanno protestato, ma senza risultati. Eppure, non possiamo abituarci a vivere al buio".

La situazione di totale buio nel quartiere periferico di Librino aumenta la criminalità e il fenomeno legato anche ai frequenti furti di rame dai pali della luce.

"A noi non importa qual è il problema - continua Fagone noi vogliamo solo che lo risolvano".

"Siamo in una situazione transitoria - spiega l'amministrazione Comunale - perché il Comune non ha un contratto diretto con l'Enel ma con la società Simei che gestisce questo settore. Il debito di Simei con l'Enel è di 10milioni di euro, ma l'arretrato del Comune alla società di gestione è di 6-7milioni di euro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con un debito milionario è un miracolo che la luce sia ancora presente nelle strade "Il Comune non può comportarsi da privato cittadino - rispondono da Palazzo degli Elefanti - perchè c'è di mezzo l'illuminazione pubblica. Il contratto con l'Enel, che dura nove anni, è in scadenza da un anno, e la proroga scade il 30 aprile: dal primo maggio ci sarà un nuovo gestore, abbiamo anche espletato le procedure di gara. Ci saranno nuove iniziative in termini di risparmio energetico ed efficienza".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento