Eni, raddoppio depuratore di Gela: società catanese si aggiudica la gara

Il bando di gara esperito dalla Regione Siciliana è stato aggiudicato, per circa 8 milioni di euro, alla impresa "Nurovi" di Catania

Dopo cinque anni di attesa dalla consegna del progetto esecutivo (redatto gratuitamente dall'Eni) all'amministrazione comunale, sono stati finalmente affidati i lavori per il raddoppio del depuratore consortile di Gela. Il bando di gara esperito dalla Regione Siciliana, infatti, è stato aggiudicato, per circa 8 milioni di euro, alla impresa "Nurovi" di Catania.

Il potenziamento degli impianti di depurazione permetterà di portare da 400 a 800 i metri cubi/ora di trattamento dei reflui urbani, eliminando i continui scarichi in mare di liquami ed evitando ulteriori sanzioni al comune di Gela per l'inquinamento marino.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Gela, Domenico Messinese, per l'avvio a soluzione del problema della depurazione dei reflui e "perchè - ha dichiarato ai cronisti - le istituzioni oggi dimostrano di essere più attente e fattive, con una sensibilità ambientale e verso la salute pubblica che nei decenni passati è stata spesso disattesa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento