Bianco contro Musumeci: "Le strutture sono davvero al limite, il rischio è grave"

"Paghiamo errori e indecisioni gravi - spiega l'ex Sindaco - denunciati anche da tanti sindaci siciliani. Non possiamo scherzare su una questione così delicata"

Enzo Bianco, ex primo cittadino di Catania  ed attuale presidente dell’assemblea dell’Anci, oltre che consigliere comunale etne, inteviene sul dibattito relativo alla classificazione della Sicilia in area "arancione", attaccando Nello Musumeci ed il suo Governo regionale.

"Ho approfondito la questione, anziché farmi tentare dalla protesta a priori contro il Governo. Ho visto che essa è frutto di numerosi parametri. E tra questi, alcuni importanti, relativi alla situazione delle strutture sanitarie. Ho chiesto ad autorevoli esperti e tutti hanno confermato che la situazione delle strutture ospedaliere e di quelle dedicate a settori della popolazione particolarmente fragili è davvero a rischio grave. Ospedali e centri per anziani al limite, nessuna nuova struttura dedicata, posti insufficienti. Questa è la ragione vera della classificazione arancione e non altra".

“Gli indicatori dei numeri e degli indici di contagiosità – continua l'ex Sindaco di Catania– non rappresentano la Sicilia tra le Regioni maggiormente pericolo. Però ho approfondito la questione, anziché farmi tentare dalla protesta a priori contro il governo. Ho visto che è frutto di numerosi parametri. E tra questi alcuni, importanti, relativi alla situazione delle strutture sanitarie. Paghiamo errori e indecisioni gravi, denunciati anche da tanti sindaci siciliani. Non possiamo scherzare su una questione così delicata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento