Era stato affidato ai servizi sociali in alternativa alla detenzione: ritorna in carcere

Le varie segnalazioni all’Autorità giudiziaria competente hanno fatto si che allo stesso venisse revocata la misura alternativa dell’affidamento

Era stato condannato, in via definitiva, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti seguita ad alcuni arresti. Nel pomeriggio di ieri, la polizia di Acireale, ha arrestato il pregiudicato Vincenzo Bella, di anni 29, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione di espiazione di pena detentiva.

Per questa condanna il Bella aveva chiesto ed ottenuto l’affidamento ai servizi sociali in alternativa alla detenzione in carcere; misura che, tuttavia, il pregiudicato ha costantemente violato. Da ultimo, lo scorso mese di maggio, il Bella è stato trovato in possesso di un ingente quantitativo di marijuana pronta per la commercializzazione in ambito locale.

Le varie segnalazioni all’Autorità giudiziaria competente hanno fatto si che allo stesso venisse revocata la misura alternativa dell’affidamento ai servizi sociali e ripristinata l’originaria pena detentiva in carcere dovendo lo stesso espiare la pena residua di due anni e due mesi di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Coronavirus, in Sicilia 1.913 nuovi casi e 40 morti: a Catania +486 contagi

Torna su
CataniaToday è in caricamento