Erogavano carburante illegalmente: sequestrato l’impianto e denunciati i gestori

L'area e i mezzi sono stati sottoposti a sequestro mentre è scattata la denuncia per i due gestori, di 37 e 24 anni, per violazione delle norme riguardanti il mancato pagamento dell'accisa sui prodotti energetici.

Ieri pomeriggio, i carabinieri di Aci Sant’Antonio, coadiuvati dai militari della Guardia di Finanza di Catania,  all’interno di un parcheggio multiuso, in Contrada San Giovanni di Aci Sant’Antonio, hanno scoperto un impianto illegale di distribuzione di carburante per autotrazione.

Con particolare arguzia i gestori si erano organizzati con due camion opportunamente modificati per accogliere  due serbatoi, da mille litri cadauno,  forniti di pompa elettrica e pistole manuali per l’erogazione del carburante. 

L’area e i mezzi sono stati sottoposti a sequestro mentre è scattata la denuncia per i due gestori, di 37 e 24 anni, per violazione delle norme riguardanti il mancato pagamento dell’accisa sui prodotti energetici.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento