Eruzione Etna, l'Ingv "calma" gli allarmismi: "Nessun rischio"

Diversi, intanto, i Comuni della provincia coinvolti dalla caduta di cenere come Santa Venerina, Giarre, Zafferana, Acireale, Pedara e Viagrande

"Dal nuovo cratere di Sud-Est dell'Etna è ancora in corso una vivace attività stromboliana di intensità medio alta che sta presentando una certa persistenza temporale, accompagnata dall'emissione di una colata di lava, ancora alimentata, che si estende verso la desertica Valle del Bove, senza creare problemi per centri abitati, ne' per le persone". Lo afferma il direttore dell'Ingv di Catania, Eugenio Privitera, in merito alla ventesima attività vulcanica dall'inizio del 2013.

"Dalla stessa 'bocca' - aggiunge- continua la fuoriuscita di cenere lavica che forma una nube eruttiva diluita contenente modeste quantita' di materiale piroclastico. Il vento la sposta verso sud, e questo crea difficoltà alla navigazione aerea e dunque all'aeroporto di Catania".

Diversi, intanto, i Comuni della provincia coinvolti dalla caduta di cenere come Santa Venerina, Giarre, Zafferana, Acireale, Pedara e Viagrande.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento