Esami "facili" alla facoltà di medicina, chiesti 6 anni di reclusione per i due impiegati

Dall'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Patanè e dai sostituti Lina Trovato e Barbara Tiziana Laudani, è stata stralciata la posizione dello studente universitario che si è laureato - titolo che è stato poi annullato - e un suo collega di corso, che ha pagato 250 euro per superare un esame. I due hanno collaborato con l'autorità giudiziaria

Avrebbero fatto superare 19 esami alla facoltà di medicina dell'università di Catania a uno studente che si è laureato nel 2013 in cambio di 2.500 euro. Per questo la Procura di Catania ha chiesto la condanna a sei anni di reclusione ciascuno per due impiegati dell'ateneo: G.L.C., di 51 anni, e G.S., di 50. La richiesta è stata avanzata dal Pm Lina Trovato al Gup Alessandro Ricciardolo, davanti al quale il processo si celebra col rito abbreviato. La prossima udienza, con l'intervento della difesa e la possibile sentenza, si terra' il 21 gennaio del 2015.

I reati ipotizzati sono falso in atto pubblico, corruzione ed accesso abusivo al sistema informatico dell'università. G.L.C. è un addetto all'ufficio di segreteria della facoltà di Medicina, G.S. è un autista.

Dall'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Patanè e dai sostituti Lina Trovato e Barbara Tiziana Laudani, è stata stralciata la posizione dello studente universitario che si è laureato - titolo che è stato poi annullato - e un suo collega di corso, che ha pagato 250 euro per superare un esame. I due hanno collaborato con l'autorità giudiziaria, ammettendo le loro colpe e ricostruendo le modalità dell'accaduto. Hanno chiesto accesso al patteggiamento e il procedimento corre parallelo a quello 'principale'. Le indagini hanno escluso il coinvolgimento di docenti.

Gli studenti si sarebbero rivolti a G.S. che faceva da intermediario con G.L.C, che avrebbe provveduto ad accedere con la propria password nel centro elettronico dell'Ateneo e avrebbe registrato gli esami in coincidenza con le varie sessioni. Nell'inchiesta l'università è parte lesa e si è costituita parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento