Esercitava l'attività di "maitresse", cinese arrestata a Catania

Agenti delle volanti della Questura di Catania hanno arrestato la cinese Li Liu, di 36 anni, ricercata in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Biella

Agenti delle volanti della Questura di Catania hanno arrestato la cinese Li Liu, di 36 anni, ricercata in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Biella per concorso e favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Indagini della Squadra Mobile piemontese avrebbero fatto luce su un giro di prostitute cinesi che operavano in più case della città. Secondo l'accusa, in una di esse l'arrestata esercitava l'attività di "maitresse".

Fondamentale, per la sua cattura, si è rivelato il sistema antiterrorismo connesso alla segnalazione degli alloggiati nelle strutture ricettive: la donna è stata segnalata in un albergo del centro di Catania, assieme ad altri connazionali. Li Liu è stata condotta in carcere. Una cinese che era con lei, presente irregolarmente in Italia, sarà accompagnata al Cie di Ponte Galeria (Roma) da dove si procederà per l'espulsione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento