Esplosione in via Garibaldi, "condizioni in stato evolutivo" per i vigili del fuoco feriti

Lo afferma il direttore del reparto rianimazione, Sergio Pintaudi, in un bollettino medico diffuso dal nosocomio dove si trovano ricoverati Giuseppe Cannavò e Marcello Tavormina

L'evento traumatico subìto ieri dai due vigili del fuoco di Catania ricoverati nell'ospedale Garibaldi "ha determinato in tutti dei traumatismi che si diversificano per sede ed intensità", e "le condizioni cliniche sono in atto in stato evolutivo e pertanto la prognosi rimane riservata". Lo afferma il direttore del reparto rianimazione, Sergio Pintaudi, in un bollettino medico diffuso dal nosocomio.

Cannavò è attualmente "sottoposto a sedazione neurologica e ventilazione meccanica sia per l'entità delle lesioni polmonari subite sia per la protezione d'organo che necessita di una ventilazione controllata e di manovre terapeutiche endoscopiche".

Per Tavormina si "stanno operando un approfondimento della diagnostica clinica e strumentale necessaria al fine di stabilire la possibilità di ulteriori interventi medici ed eventuali trattamenti chirurgici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento