Esplosione via Garibaldi, slittano alla prossima settimana i funerali dei due vigili del fuoco

Poichè l'autposia è un atto irripetibile non si può legalmente eseguire senza che la sua esecuzione sia formalmente notificata all'indagato, che può nominare un legale e un perito di parte. Questo non sarà possibile prima della prossima settimana

Slittano per un problema formale giuridico i funerali dei due vigili del fuoco, Dario Ambiamonte e Giorgio Grammatico, del 75enne Giuseppe Longo, morti tre giorni fa nell'esplosione del piano terra dei locali in uso all'anziana vittima a Catania. Non è stato ancora possibile per la Procura disporre l'autopsia.

Nell'inchiesta è indagato, come atto dovuto, per disastro e omicidio colposi plurimi il caposquadra dei soccorritori, Marcello Tavormina, 38 anni, che ha un trauma cranico ed è ricoverato, assieme al collega Giuseppe Cannavò, di 36 anni, nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Garibaldi, diretto dal dottore Sergio Pintaudi.

Poichè l'autposia è un atto irripetibile non si può legalmente eseguire senza che la sua esecuzione sia formalmente notificata all'indagato, che può nominare un legale e un perito di parte. Questo non sarà possibile prima della prossima settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento