"Esserci sempre", il 167° anniversario della fondazione della polizia

La festa si è svolta nella straordinaria cornice del Teatro Massimo Bellini, consegnati i premi ai ragazzi delle scuole che hanno aderito al progetto "PretenDiamo Legalità"

Grande giornata, quella di oggi, per le donne e gli uomini della Polizia di Stato: in occasione della ricorrenza del 167° Anniversario della Fondazione, la Questura di Catania ha voluto festeggiare l’impegno, il sacrificio e l’incessante lavoro dei poliziotti diuturnamente impegnati nella lotta alla criminalità e nella prevenzione dei reati, per la sicurezza di tutti i cittadini. E la celebrazione ha avuto una cornice d’eccezione, il Teatro Massimo Bellini, dove il Questore Alberto Francini ha accolto il Vice Direttore della Pubblica Sicurezza – Direttore Centrale della Polizia Criminale Vittorio Rizzi, il Prefetto di Catania Claudio Sammartino, il Sindaco Salvo Pogliese, le massime Autorità civili e militari, i tanti poliziotti e i loro congiunti che hanno voluto assistere a un evento che ha avuto al centro dell’attenzione coloro che, giornalmente, uniscono ai doveri e agli impegni che la mission istituzionale impone, le responsabilità e le cure della famiglia. Alla lettura del messaggio del Capo dello Stato Sergio Mattarella, è seguita quella dei messaggi del Ministro dell’Interno Matteo Salvini e del Capo della Polizia Prefetto Franco Gabrielli. A questo punto il Questore Alberto Francini ha preso la parola, rimarcando il l’importanza della memoria e dei valori fondanti dell’attività della Polizia di Stato, dando un significato storico allo slogan che anche quest’anno ha “taggato” le celebrazioni in occasione della ricorrenza dell’Anniversario della Fondazione: “Esserci sempre”.

Il video dei festeggiamenti a Catania

Alle parole del Questore Francini ha fatto eco il Prefetto Rizzi, che ha motivato la sua presenza a Catania con gli eccellenti risultati ottenuti da questa Questura nel campo della lotta alla criminalità, organizzata e non, e nel campo della prevenzione dei crimini di genere, ricordando i benefici effetti che la campagna d’informazione “Questo non è Amore” ha avuto nella città etnea che ha riportato un’impennata di denunce in questo doloroso campo d’azione della Polizia di Stato, a testimonianza dell’efficacia dell’opera dei poliziotti etnei per contrastare quel mondo troppo spesso sommerso e taciuto, fatto di violenza, di sopraffazione e di umiliazione della donna. Non sono mancate parole di ricordo per i caduti della Polizia di Stato e per la testimonianza che essi hanno lasciato a chi è rimasto. La cerimonia è seguita con la proiezione di un breve filmato, anch’esso incentrato sull’importanza del valore della memoria, e con la premiazione di alcuni poliziotti particolarmente distintisi in attività di polizia giudiziaria e di soccorso pubblico. La manifestazione ha anche avuto momenti di espressione artistica in cui alcuni talentuosi poliziotti si sono esibiti in performance che hanno entusiasmato il pubblico presente in platea: l’Assistente Capo coordinatore Giuseppe Roccella, con la sua fisarmonica, ha eseguito il brano “Orient Express”, il tenore Sovrintendente della Polizia di Stato Antonio Costa e il soprano Sonia Pitiddu si sono esibiti in un duetto canoro dal titolo “Grazie perché” al quale ha fatto seguito un assolo del Costa in un impegnativo “Nelle tue mani”. E ancora il tenore Costa, accompagnato dal Coro dell’ANPS diretto da Maestro Giovanni Raddino, ha intonato “La preghiera del Poliziotto”; il Primo Dirigente, dott.ssa Marilina Giaquinta ha dato lettura di un brano poetico da lei composto, tratto dalla silloge “Addimora”.

Le esibizioni sono state intercalate dalla premiazione delle rappresentanze delle scuole che anche quest’anno hanno aderito al progetto legato ai temi della legalità “PretenDiamo Legalità… a scuola con il Commissario Mascherpa”; al progetto è collegato un concorso nazionale per il quale sono stati selezionati i lavori presentati dai seguenti Istituti: 1.Classe 2°D Istituto Comprensivo Casella di Pedara, plesso Faro; 2.Classe 5°C Istituto Comprensivo Giovanni Verga di Vizzini; 3.Classe 4°B Istituto Comprensivo Casella di Pedara, plesso Faro; 4.Classe 4°B Istituto Enrico Medi di Randazzo; 5.Classi 1°A e 2°B Istituto Comprensivo Pestalozzi di Catania. Non è mancato un apprezzamento per quelle opere che, pur non rientrando nel novero di quelle destinate alla competizione nazionale, sono state comunque premiate per la pregevole fattura e il valore del messaggio trasmesso. Sono stati premiati i seguenti Istituti: 1.Classe 3°D Istituto Professionale Rocco Chinnici di Nicolosi; 2.Classe 2°F Istituto Castiglione di Bronte; 3.Classe 4°D Istituto Comprensivo Casella di Pedara, plesso Monsignor Pennisi. Infine, a chiudere la manifestazione, l’Inno di Mameli, intonato dal Coro dell’Anps.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DSC_0012-8

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento