Estorsione, minacce a concessionario di auto e moto: scattano due arresti

La polizia ha dato esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare. Gli accusati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione aggravata, inosservanza degli obblighi della Sorveglianza Speciale ed evasione

All’alba di oggi, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare, emessa in data 28.11.2015 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di Giuseppe Chiesa, Lorenzo Mascali e di un terzo soggetto, C.D. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso (clan Santapaola-Ercolano), estorsione aggravata, inosservanza degli obblighi della Sorveglianza Speciale ed evasione.

ASCOLTA L'INTERCETTAZIONE

La misura cautelare accoglie gli esiti di un’attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile Sezione Reati contro il Patrimonio – “Squadra Antiracket”, con il coordinamento dalla Procura – Direzione Distrettuale Antimafia – a seguito di una denuncia presentata da un imprenditore operante nel settore rivendita di auto e moto veicoli in ordine ad un tentativo di estorsione posto in essere nei loro confronti.

Dalle indagini è emerso che i pregiudicati, nel mese di dicembre del 2013, si erano presentati presso la sede della ditta al fine di “perorare” una vertenza lavorativa pendente tra i titolari della rivendita di moto e C. D., ex addetto alle vendite, destinatario anch’egli della misura cautelare degli arresti domiciliari, il quale aveva richiesto loro una somma, a titolo satisfattorio, di circa 130.000,00 euro.

Mascali Lorenzo e Chiesa Giuseppe, in occasione delle loro “visite” avevano avanzato una richiesta di compensazione tra il debito eventualmente scaturente dalla controversia lavorativa pendente tra C.D. ed gli imprenditori ed il credito vantato da questi ultimi nei confronti di Mascali Lorenzo, loro abituale cliente, che nel corso del tempo aveva acquistato numerosi motoveicoli senza pagarne il prezzo, accumulando un debito di circa 100.000,00 euro.

In particolare in occasione di un incontro, i due indagati chiedevano ai dipendenti della ditta di riferire ai titolari di rinunciare alla lite giudiziaria intimando agli stessi di testimoniare a favore del C.D. E ancora, in un’altra occasione, avendo subito i due imprenditori un furto presso l’abitazione di famiglia con un danno economico di centinaia di migliaia di euro, Mascali si presentava in azienda affermando che avrebbe potuto interessarsi per la restituzione della somma di denaro trafugata sempre a condizione di una soluzione stragiudiziale della lite.

A Chiesa Giuseppe, pregiudicato, sono stati, altresì contestati i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso per avere fatto parte dell’organizzazione Santapaola – Ercolano, gruppo cd. di“San Cocimo”, nonché quello di cui all’art. 75 comma II D.Lgs 159/11 perché violava le prescrizioni connesse alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno cui era sottoposto fino al 10.4.2014.

Al Mascali, è stato, inoltre, contestato il delitto di evasione essendo nel periodo di riferimento sottoposto alla detenzione domiciliare. Espletate le formalità di rito, entrambi sono stati associati presso la casa circondariale di Catania “Bicocca” mentre  C. D. è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento