Pagava il pizzo dal 2002, adesso la denuncia: sette fermi

L'imprenditore ha riferito di essere stato costretto a versare alla mafia denaro sui lavori svolti nei suoi cantieri. Doveva pagare persino ogni volta incontrava per strada gli affiliati al clan

Sette presunti appartenenti al clan mafioso Santapaola-Ercolano di Paternò sono stati fermati dai carabinieri per estorsione. Sono accusati di avere compiuto intimidazioni e violenze nei confronti di un imprenditore edile, che si è ribellato e li ha denunciati dopo aver pagato il "pizzo" dal 2002.

Nei giorni scorsi, dopo le ultime minacce rivolte anche contro la sua famiglia, l'uomo si è rivolto ai carabinieri. Da qui i fermi, emessi dal capo della Procura, Giovanni Salvi. L'imprenditore ha riferito di essere stato costretto a versare alla mafia denaro a Natale e a Pasqua, in percentuale sui lavori svolti nei suoi cantieri di Catania e di Paternò. Doveva pagare persino ogni qual volta in strada incontrava per strada gli affiliati al clan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento