Estorsione tra Picanello e Paternò, dopo 11 anni la denuncia

Tra i soprusi normalmente esercitati dalla cosca, il versamento di una percentuale (variabile tra il 2% e il 3%) del valore complessivo degli appalti assegnati all'impresa edile. Se poi l'importo dell'appalto era di valore esiguo, la somma dovuta era "una tantum"

Questa mattina, alle prime luci dell’alba, i carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno dato esecuzione nel capoluogo etneo e a Paternò ad un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Catania nei confronti di sette persone per il reato di estorsione, aggravata dall’aver agito in nome dell’associazione di tipo mafioso  “Santapaola - Ercolano” ed in particolare dell’articolazione facente capo alla famiglia Assinnata, operante nel territorio di Paternò, e del gruppo di Picanello, al fine di agevolarne le attività illecite.

L’attività investigativa è stata avviata solo pochi giorni fa quando alcuni degli arrestati hanno fisicamente aggredito un imprenditore edile, vittima sin dal 2002 di richieste estorsive da parte degli affiliati del clan.

I primi accertamenti che hanno condotto all’emissione del provvedimento restrittivo hanno consentito di delineare le modalità secondo cui due distinti gruppi criminali attivi nel quartiere “Picanello” di Catania e in Paternò, entrambi riconducibili alla famiglia mafiosa “Santapaola – Ercolano”, hanno costretto nel tempo la vittima mediante la minaccia, anche implicita, di gravi ritorsioni sia contro l’incolumità personale, sia contro l’integrità dei beni aziendali a pagare il “pizzo” in forme diverse.

Tra queste la corresponsione in occasione delle festività natalizie e pasquali di somme in contanti, a titolo di “regalo”, oscillanti fra gli 800 e i 1.500 euro poiché “le feste dovevano essere tali per tutti”; la dazione frequente e in maniera estemporanea di somme oscillanti tra i 50 e i 200 euro, quando la vittima aveva la sfortuna di incontrare i suoi aguzzini, su appuntamento o anche per caso.

Tra i soprusi normalmente esercitati dalla cosca, il versamento di una percentuale (variabile tra il 2% e il 3%) del valore complessivo degli appalti assegnati all’impresa edile ovvero, qualora l’importo dell’appalto fosse di valore esiguo, la corresponsione di una somma “una tantum”, naturalmente di ammontare superiore a quello percentuale.

Non da meno è la costrizione a saldare un debito di 4000 euro contratto  con un’azienda “vicina alla famiglia” che l’imprenditore si era rifiutato in passato di saldare perché i lavori commissionati non erano stati portati a termine a regola d’arte. Al riguardo l’impresario ha dovuto pagare l’intera somma dopo essere stato intimidito con una chiara minaccia di morte.

L’imprenditore è stato poi vittima da parte dei suoi aguzzini anche del classico “cavallo di ritorno” allorquando in occasione di un furto subito ai danni di un cantiere edile ove ignoti gli hanno sottratto alcuni automezzi da lavoro e attrezzature professionali, per un danno complessivo di circa 40.0000 €, è stato costretto a pagare una prima tranche di 3000 euro per la restituzione di parte della refurtiva e gli sono stati richiesti altri 3000 euro per la restituzione della restante merce che il malcapitato si è rifiutato di pagare poiché parzialmente rinvenuta dai Carabinieri di Paternò.

Proprio questo suo rifiuto sarebbe stata la causa che ha provocato la sua aggressione. In ultimo, l’obbligo imposto alla vittima di pagare il pizzo anche ai responsabili del gruppo di Picanello nel momento in cui ha avviato dei cantieri in quel quartiere con il sistematico controllo da parte degli Assinnata dell’effettiva corresponsione delle cifre concordate.

Questi gli arrestati: Domenico Filippo Assinnata, cl. 1952, inteso "Mimmo 'u Catanisi", ritenuto il capo carismatico dell’omonima frangia di cosa nostra catanese operante nel comprensorio di Paternò; Salvatore Assinnata, cl. 1972, ritenuto il capo operativo dell’omonima frangia di cosa nostra catanese operante nel comprensorio di Paternò; Salvatore Chisari, cl. 1978, inteso “Turi ‘u Pazzu”, ritenuto affiliato alla frangia di cosa nostra catanese operante nel comprensorio di Paternò; Rosario Indelicato, cl. 1965, ritenuto affiliato alla frangia di cosa nostra catanese operante nel comprensorio di Paternò; Lorenzo Pavone, cl. 1970, ritenuto il responsabile del gruppo operativo di cosa nostra catanese operante nel quartiere “Picanello” di Catania; Pietro Puglisi, cl. 1974, inteso “Sputavento” e/o “Peri ‘i Gallina” e/o "Muschitta", ritenuto affiliato alla frangia di cosa nostra catanese operante nel comprensorio di Paternò;  Salvatore Scuderi, cl. 1963, inteso “Turi Scheggia”, ritenuto affiliato al gruppo operativo di cosa nostra catanese operante nel quartiere “Picanello” di Catania.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento