Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Etna, registrato un nuovo incremento nell'emissione di cenere

L'attività esplosiva è altamente variabile sia nel tempo che nell'intensità. L'andamento temporale dell'ampiezza media del tremore vulcanico continua a mostrare delle marcate oscillazioni

Foto della lettrice Maria Milici

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania, a partire dalle ore 05 e 45 di quest mattina ha rilevato un incremento dell'emissione di cenere al Nuovo Cratere di Sud Est dell'Etna, che ha formato una nube di cenere vulcanica alta circa 4 chilometri sul livello del mare, dispersa verso sud. L'attività esplosiva è altamente variabile sia nel tempo che nell'intensità. L'andamento temporale dell'ampiezza media del tremore vulcanico continua a mostrare delle marcate oscillazioni di ampiezza che nell'insieme definiscono un trend sostanzialmente stazionario che si mantiene nell'intervallo dei valori medi. La localizzazione del del tremore vulcanico rimane confinata nell'area del complesso dei crateri di Sud Est ad una quota compresa tra i 2.900 e i 3.000 metri sul livello del mare. L'attività infrasonica, analogamente al tremore vulcanico, mostra un andamento oscillante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Etna, registrato un nuovo incremento nell'emissione di cenere

CataniaToday è in caricamento