rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca

Negli ultimi tre mesi l'Etna ha emesso 60 milioni metri cubi di magma

Dallo studio si evince come le fontane di lava potrebbero rappresentare un'efficace modalità di emissione di magma, in grado di sostituirsi alle più pericolose e tradizionali eruzioni effusive sul fianco del vulcano

Nel periodo che va dal 13 dicembre 2020 al 31 marzo 2021 l'Etna ha eruttato circa 60 milioni di metri cubi di magma soprattutto attraverso fontane di lava particolarmente energetiche. Considerando il volume del materiale vulcanico accumulato nel tempo e quello fuoriuscito nei quattro mesi, si evince che le fontane di lava potrebbero rappresentare un'efficace modalità di emissione di magma in grado di sostituirsi alle più pericolose e tradizionali eruzioni effusive sul fianco del vulcano.

Lo rende noto lo studio "Magma Migration at Shallower Levels and Lava Fountains Sequence as Revealed by Borehole Dilatometers on Etna Volcano", realizzato a cura di un team di ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e pubblicato sulla rivista "Frontiers in Earth Sciences".

"Inoltre, il rilevamento di micro deformazioni dell'edificio vulcanico - spiega la nota dell'istituto di vulcanologia - ha consentito di individuare dei segnali precursori che anticipano il verificarsi di una sequenza eruttiva". "Nei vulcani a condotto aperto come l'Etna - spiega Alessandro Bonaccorso, vulcanologo Ingv e primo autore dello studio - una sfida importante è quella di rilevare e interpretare le variazioni di energia anche ultra-piccole associate a eventi minori ma critici come le fontane di lava. Questo obiettivo è potenzialmente raggiungibile con registrazioni di deformazioni di estrema precisione (cosiddette strain) indotte nell'edificio vulcanico e rilevabili, anche a distanze di diversi chilometri dall'area craterica, dai dilatometri installati in perforazioni profonde a centinaia di metri di profondità. Nei quattro mesi considerati, la rete di dilatometri dell'Ingv installata sull'Etna ha registrato precise variazioni". "In particolare -prosegue Bonaccorso - micro variazioni, osservate in corrispondenza degli sciami sismici avvenuti nel dicembre 2020, hanno permesso di evidenziare la migrazione di magma in superficie che ha anticipato l'inizio della sequenza eruttiva"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negli ultimi tre mesi l'Etna ha emesso 60 milioni metri cubi di magma

CataniaToday è in caricamento