rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

L'Ingv rileva progressivo aumento del tremore vulcanico dell'Etna

Dal punto di vista delle deformazioni del suolo, non si registrano variazioni significative dei trend delle serie temporali a medio periodo

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia comunica che l'ampiezza media del tremore vulcanico dell'Etna mostra un trend in aumento. In particolare, a partire dalla seconda metà di agosto si registra un lento e graduale incremento dell'ampiezza media, che ad oggi, alle stazioni periferiche della rete sismica, ha raggiunto valori significativi. Sssi risultano comparabili a quelli registrati poco prima dell'eruzione di dicembre 2018 e superiori a quelli che hanno anticipato le attività eruttive del periodo maggio-luglio 2019. Negli ultimi giorni, la localizzazione della sorgente del tremore risulta confinata in area sommitale, principalmente al disotto del sistema Cratere di Sud Est - Nuovo Cratere di Sud Est Dal punto di vista delle deformazioni del suolo, non si registrano variazioni significative dei trend delle serie temporali a medio periodo. Le cattive condizioni meteorologiche impediscono di osservare l'attività dei crateri sommitali attraverso le telecamere di sorveglianza visiva e termica. Tuttavia, le guide vulcanologiche segnalano di aver udito, nella mattinata odierna, i caratteristici suoni di attività stromboliana e di spattering all'interno del cratere Bocca Nuova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ingv rileva progressivo aumento del tremore vulcanico dell'Etna

CataniaToday è in caricamento