Etna patrimonio Unesco secondo Vlady Art

Una casa diroccata immersa nel verde del Parco dell'Etna con una maxi scritta "Unesco"sulla facciata:è la nuova opera dello street artist catanese Vlady Art

Una casa diroccata immersa nel verde del Parco dell'Etna con una maxi scritta "Unesco"sulla facciata. Possibile che l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione e la Cultura abbia cambiato all'improvviso i propri canoni di bellezza?Sbagliato. E' una nuova opera concettuale dello street artist catanese Vlady Art.

"E' un intervento che non va spiegato -spiega- semmai va contestualizzato. Il contesto è il degrado del paesaggio e l'assenza di ogni minimo standard di controllo e rigore, di cui abbiamo tutti incredibilmente goduto. Siamo i campioni delle lotte improbabili e facciamo tanto antagonismo a parole. Ci lamentiamo del traffico, ma restando seduti in auto.

etnaunesco-2

Impieghiamo le parole "bellezza", "cultura", turismo", "sviluppo" con grande facilità, dimenticandoci però che manca l'ABC. Se intendiamo ancora abitare questo posto nei prossimi decenni, dobbiamo seriamente parlare di territorio, smettendo di costruire e iniziando a bonificare.

Parlo di ingegneria del tritolo. Parlo di riassetto e riordino. Via i punti neri, ripristinare gli spazi e pulire la vista. Basta atteggiamenti conservatori e buonismi di ogni sorta, a destra e sinistra, perché ci hanno rovinato. Solo così possiamo renderci minimamente credibili. Altrimenti continueremo a mentirci, sguazzando nel nostra decadenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento