Etnapolis, tentano furto con la tecnica della borsa schermata: arrestati

I due ladri per superare i sistemi di antitaccheggio hanno utilizzato la seguente tecnica. Non sono però riusciti ad eludere il sistema di allarme. La refurtiva è stata restituita interamente al responsabile del centro commerciale

I Carabinieri di Paternò hanno arrestato L.G., 23enne, e R.E., una 23enne, entrambi della Romania, senza fissa dimora, per furto aggravato.

I due tentavano di allontanarsi dal parcheggio del centro commerciale “Etnapolis” con diversi capi di abbigliamento, per un valore complessivo di 2.000 euro circa, rubati poco prima nei negozi “Oviesse”, “Pull And Bear”, “Zara” e “New Yorker”.

Nella circostanza, i due ladri hanno per eludere i sistemi di antitaccheggio hanno utilizzato delle borse schermate, ovvero grosse borse rivestite all'interno di numerosi fogli di alluminio sovrapposti per eludere il sistema di allarme,  nelle quali hanno nascosto la merce rubata. La refurtiva è stata restituita al responsabile del centro commerciale. Gli arrestati sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza dell’Arma in attesa di essere giudicati con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

In deciso aumento il fenomeno dei furti in danno dei centri commerciali, riconducibile verosimilmente anche alla contingente crisi economico. Da tempo sono aumentate le pattuglie finalizzate al controllo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

Torna su
CataniaToday è in caricamento