Eutanasia, a Catania il processo con rito abbreviato per il presidente della 'EXIT-Italia'

Il procedimento giudiziario è gestito dalla procura di Catania e riguarda il caso di Alessandra Giordano, una 46enne siciliana che lo scorso marzo si è lasciata volontariamente togliere la vita in una clinica svizzera, la Dignitas

Alessandra Giordano nella foto

E' radicata a Catania la competenza territoriale dell'inchiesta per istigazione al suicidio per il ricorso all'eutanasia nel 2019 in Svizzera di una 47enne della provincia etnea in cui è imputato Emilio Coveri, presidente dell'associazione Exit-Italia. Lo ha deciso il Gup Marina Rizza, che ha rigettato la richiesta dell'avvocato Arianna Maria Corcelli, che ha successivamente richiesto l'acceso al rito abbreviato. La prima udienza del processo si terrà il prossimo 5 novembre con gli interventi dell'accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto Angelo Brugaletta, e dai legali delle parti civili: la madre, la sorella e tre fratelli della donna assistiti dai penalisti Marco Tringali, Francesco Pantaleo, Giuseppe Cammonita e Anna Maria Parisi.

Al centro del procedimento il ricorso all'eutanasia il 27 marzo 2019 in una clinica Svizzera di una 47enne della provincia etnea che non era malata terminale, ma che da tempo soffriva di una grave forma di depressione. La tesi della Procura, accolta dal Gup, è che la la competenza è radicata a Catania e non a Torino, dove ha sede la società, perchè Coveri e la donna non si sono incontrati e il reato sarebbe maturato nello scambio di telefonate, sms e mail. Secondo la Procura di Catania, che ha coordinato indagini di carabinieri e polizia postale, Coveri "determinava o comunque rafforzava il proposito suicida" della donna, poi avvenuto con l'eutanasia in una clinica di Zurigo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avrebbe anche "indotto la donna" che "soffriva di depressione e sindrome di Eagle ad iscriversi all'associazione Exit" e tenuto condotte accompagnate da sollecitazioni e argomentazioni in ordine alla legittimita' anche etica della scelta" del suicidio assistito. "La signora - ha sostenuto Coveri - era una nostra associata e le abbiamo semplicemente fornito, su sua richiesta, le informazioni che le servivano per prendere una decisione. Una procedura normale. Abbiamo 5.000 iscritti e ogni settimana riceviamo almeno 90 telefonate di gente disperata. Ma siamo rispettosi della legge italiana e sappiamo che l'eutanasia nel nostro Paese non e' ancora consentita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Via Leopardi, carabinieri scoprono un "buco" che collegava una casa disabitata ad una banca

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento