Insegnante di Paternò morta con eutanasia, indagini su Exit Italia

Il provvedimento e' stato spiccato dalla procura di Catania al responsabile dell'associazione "Exit" che ha assistito la donna

Un avviso di garanzia è stato notificato a Torino dai carabinieri di una stazione locale ad Emilio Coveri, responsabile di Exit Italia, associazione che promuove il diritto all'eutanasia. Il provvedimento è stato spiccato dalla procura di Catania e riguarda il caso di una donna di Paternò , di professione insegnante, deceduta lo scorso aprile in una clinica svizzera che pratica il suicidio assistito. Non e' chiaro se il reato ipotizzato dagli inquirenti e' "l'omicidio del consenziente" o se, come e' piu' probabile, si tratta di "aiuto al suicidio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • In arrivo oltre duecento assunzioni all'aeroporto di Catania

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento