Insegnante di Paternò morta con eutanasia, indagini su Exit Italia

Il provvedimento e' stato spiccato dalla procura di Catania al responsabile dell'associazione "Exit" che ha assistito la donna

Un avviso di garanzia è stato notificato a Torino dai carabinieri di una stazione locale ad Emilio Coveri, responsabile di Exit Italia, associazione che promuove il diritto all'eutanasia. Il provvedimento è stato spiccato dalla procura di Catania e riguarda il caso di una donna di Paternò , di professione insegnante, deceduta lo scorso aprile in una clinica svizzera che pratica il suicidio assistito. Non e' chiaro se il reato ipotizzato dagli inquirenti e' "l'omicidio del consenziente" o se, come e' piu' probabile, si tratta di "aiuto al suicidio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento