Eutanasia, il caso dell'insegnante di Paternò: udienza preliminare il 18 febbraio

Il caso è quello di Alessandra, maestra 46enne di Paternò che nel marzo del 2019 si lasciò volontariamente togliere la vita in una clinica svizzera, la Dignitas

Si discuterà il 18 febbraio a Catania l'udienza preliminare in cui verrà discussa la richiesta di rinvio a giudizio per istigazione al suicidio mossa a carico del torinese Emilio Coveri, 70 anni, presidente dell'associazione Exit Italia. Il caso è quello di Alessandra Giordano, una 46enne di Paternò che nel marzo del 2019 si lasciò volontariamente togliere la vita in una clinica svizzera, la Dignitas.

"La signora Alessandra - spiega Coveri - era una nostra associata e le abbiamo semplicemente fornito, su sua richiesta, le informazioni che le servivano per prendere una decisione. Una procedura normale. Abbiamo 5000 iscritti, e ogni settimana riceviamo almeno 90 telefonate di gente disperata. Ma siamo rispettosi della legge italiana, e sappiamo che l'eutanasia nel nostro Paese non è ancora consentita".

"E' la prima volta - dice il medico Silvio Viale, responsabile scientifico di Exit - che viene messa sotto accusa una società per la sua attività ordinaria. Perché quello di Coveri non fu un gesto di disobbedienza civile, come avvenne per esempio nella vicenda Cappato. Fu semplicemente il servizio che offriva ai soci". "Sarei preoccupato - ha concluso Coveri - se avessi sbagliato. Ma non ho sbagliato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento