Eutanasia, suicidio assistito per una insegnante paternese: indaga la Procura

Alessandra Giordano, insegnante quarantasettenne di Paternò, è morta lo scorso 27 marzo a Forch, anonimo paesino svizzero. Ha messo fine alla propria esistenza nella clinica Dignitas, la stessa che già aveva praticato l'eutanasia a Dj Fabo

Alessandra Giordano, insegnante quarantasettenne di Paternò, è morta lo scorso 27 marzo a Forch, anonimo paesino svizzero. Ha messo fine alla propria esistenza nella clinica Dignitas, la stessa che già aveva praticato l'eutanasia a Dj Fabo.

Sulla sua morte è stata aperta un'indagine, come rivela un'inchiesta de La Verità, dalla procura di Catania, per istigazione al suicidio. Indagine nata dopo la denuncia dei familiari della donna, i quali temono che Alessandra, depressa e con problemi psicologici, sia stata 'assecondata' troppo superficialmente e che abbia addirittura fatto testamento a favore della clinica.

I magistrati catanesi hanno chiesto il sequestro preventivo dei beni dell'insegnante, respinto però dai giudici del tribunale etneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento