Evade dai domiciliari per riparare l'auto: dovrà indossare il braccialetto elettronico

I carabinieri di Aci Catena hanno arrestato il 30enne Giuseppe Tomarchio

I carabinieri di Aci Catena hanno arrestato il 30enne Giuseppe Tomarchio ritenuto responsabile di evasione. L’uomo al termine dello scorso anno era finito in manette per aver violato la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e furto aggravato, reati per i quali era stato posto agli arresti domiciliari. I militari, l’altra mattina, nell’eseguire dei controlli ai soggetti sottoposti a misure detentive alternative al carcere, lo hanno sorpreso fuori dall’abitazione, precisamente nell’area condominiale, mentre stava riparando la propria autovettura in evidente violazione della misura restrittiva cui era sottoposto. Il giudice, in sede di udienza di convalida, ha disposto che l’arrestato fosse nuovamente ricollocato ai domiciliari ma con l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento