Chiesto un confronto tra istituzioni per riqualificare l'ex mulino Santa Lucia

E' in totale stato di abbandono e degrado, preso di mira da ladri e vandali che hanno praticamente distrutto gli arredi interni, danneggiato e deturpato le facciate esterne

L’ex Mulino Santa Lucia  da troppo tempo è in totale stato di abbandono e degrado, preso di mira da ladri e vandali che hanno praticamente distrutto gli arredi interni, danneggiato e deturpato le facciate esterne. Ersilia Severino, presidentessa dell’assemblea provinciale di Catania per il Partito Democratico, rispolvera l'annosa questione chiedendo, ancora una volta,  un "confronto, tra istituzioni politiche, enti sociali e tutti gli altri soggetti interessati, su i tanti progetti oggi tornati di grande attualità".

"E’ una questione di immagine, di sicurezza e di decoro per l’intera Catania. Sono certa - aggiunge - che il recupero dell’impianto non sarà semplice nè veloce, ma occorre iniziare a parlare di rinascita della zona. In tutti questi anni sull’ex Mulino di Santa Lucia si è discusso molto parlando di destinazioni varie, come sede di associazioni, di un poliambulatorio o perfino di onlus. Il rischio oggi per questa struttura è quello di restare impantanata, ancora per molti anni, nei lunghi iter burocratici che non tengono conto delle esigenze e delle tempistiche del territorio. Nel frattempo, come spesso succede in questi casi, i ladri ed i vandali continuano l’opera e fanno razzia o distruggono tutto lasciando alla gente uno spettacolo pietoso di cui l’intera Catania farebbe volentieri a meno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento