Expo del lavoro e orientamento, la scuola incontra le aziende

Sono stati 350 gli studenti di Catania, San Giovanni La Punta e Acireale che hanno preso parte all'iniziativa

Sono stati cinque giorni all’insegna della formazione e dell’orientamento quelli appena trascorsi al centro commerciale Porte di Catania, grazie all’evento “Expo del Lavoro e dell’Orientamento” organizzato da Asse4 Rete di Imprese. Dal 25 Febbraio all’1 marzo, infatti, oltre 350 ragazzi delle scuole superiori di Catania, San Giovanni La Punta ed Acireale hanno incontrato numerose aziende del territorio, confrontandosi con esse in merito alle opportunità presenti nel mondo del lavoro e della formazione. Asse4 Rete di Imprese, presente in ben 16 regioni italiane, promuove da oltre 10 anni attività di formazione professionale al fine di integrare il mondo scolastico con quello occupazionale, tramite corsi, stage aziendali, servizi di istruzione e formazione in Italia ed all’estero.

L’evento di Catania, che si è svolto in contemporanea anche a Caserta e, negli scorsi mesi è stato vissuto anche a Roma, Torino, Foggia e Napoli, è una delle iniziative più giovani che mira a costruire un vero e proprio ponte tra scuola e formazione, permettendo ai ragazzi di orientarsi in merito ai percorsi lavorativi e formativi da intraprendere una volta ultimati gli studi. Al tempo stesso, le aziende hanno l’occasione di confrontarsi in maniera diretta con i giovani per proporre loro diverse alternative in linea con il proprio percorso di studi ma anche con le proprie propensioni personali. Nel corso delle attività dei cinque giorni, si sono alternate diverse realtà territoriali: Gi Group (Apl), Rmr (Scuola di Estetica di Rosa Maria Rapisarda), Accademia Orafa Italiana, Deltha Rho (Scuola di Musica e Canto), Uc English Centre (Scuola d’inglese), l’Università degli studi di Catania, oltre alla collaborazione di professionisti del mondo dell’imprenditoria, quali Enrico Coppa e Salvatore Rubulotta, che hanno offerto la loro personale testimonianza relativa al mondo del business.

I diversi workshop sono stati affiancati da momenti di formazione e da attività di gruppo, in piena corrispondenza con la filosofia del “learning by doing” sposata dall’azienda, come il training gaming, un vero e proprio gioca aziendale che utilizza metodologie didattiche innovative, pensato e realizzato da Antonio Miele di Mideal Lo scopo è quello di far comprendere ai giovani partecipanti i meccanismi propri della realtà aziendale, attraverso la rappresentazione in prima persona di situazioni lavorative, stimolando i comportamenti virtuosi ed identificando quelli viziosi, nonché sviluppando la capacità di analizzare le problematiche, risolverle in gruppo, assumersi responsabilità e prendere decisioni. Un’esperienza che ha avuto un grande successo e che, già nel mese di Marzo, prenderà forma anche a Catanzaro e, in primavera, son previste diverse repliche nelle mete già toccate dall’evento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento