Su Facebook, la pagina: "Speriamo nell'Etna per farvi sparire"

Dopo la tragedia di Messina su facebook è nata una pagina contro i meridionali, si chiama: "Dopo l'alluvione speriamo nell'Etna per farvi sparire"

Triste ma vero, su facebook è nata una pagina contro i meridionali e, in particolare, catanesi. Si chiama “Dopo l'alluvione speriamo nell' Etna per farvi sparire”.

E’ un vero e proprio manifesto di violenza contro i siciliani. Tra i post più crudeli: “Credo che siate una popolazione che debba scomparire, Sant’Agata si è resa conto della vostra inutile esistenza”, “Buone notizie le vittime sono 20, speriamo bene e incrociamo le dita” e ancora “buone notizie dal fronte un' altra frana a Barcellona Pozzo di Gotto, peccato un bambino è scampato alla morte , che culo che avete”, “Oh, per fortuna sono polentona e mi guardo lo spettacolo alla tv”.

Impossibile commentare l’ignoranza del suo autore, soprattutto se si pensa che in questo momento a Messina delle famiglie stanno piangendo la scomparsa dei loro cari, tra i quali ricordiamo un bambino di 10 anni.

Per fortuna, la popolazione virtuale di facebook, si sta ribellando e sono già nate delle pagine e dei gruppi di protesta.

Navigando sul social network più popolare e libero del momento, abbiamo trovato anche un’altra pagina che iincita all’odio per Catania e Palermo, si chiama “Santa Agata e Rosalia, fateci la grazia: eliminate la Sicilia e i siciliani” e ci sono ben 738 fan.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento