Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Borgo

Topo d'appartamento beccato dai Falchi si finge polacco per non farsi arrestare

A suo carico era stato già emesso un provvedimento restrittivo per furto aggravato in abitazione per il quale doveva scontare 5 anni di reclusione. Però non aveva perso il vizio e con altri complici stava svaligiando un'abitazione

E' finito in manette il pregiudicato catanese S. S., di 44 anni. L'uomo era stato già condannato a 5 anni di reclusione per il reato di furto aggravato in abitazione ma non aveva perso il vizio. Infatti ieri, 6 aprile, i Falchi della mobile di Catania si erano recati nel quartiere “Borgo Sanzio” a seguito di una segnalazione che indicava la presenza di possibili ladri in
appartamento. La tempestività dell’intervento ha permesso di sorprendere due uomini, sospetti, che sembravano essere posizionati come “pali” lungo la via i quali, alla vista degli
operatori di polizia, hanno tentato di allontanarsi ma sono stati immediatamente bloccati e sottoposti a controllo.

Uno dei due in particolare ha esibito un documento di identità (patente di guida) polacco e sembrava non parlare correttamente la lingua italiana. Gli accertamenti effettuati hanno permesso di appurare che il documento d’identità risultava abilmente contraffatto e le successive verifiche hanno consentito di  accertare come l’uomo fosse in realtà il pregiudicato S. S. che si era reso irreperibile da dicembre dello scorso anno. L'uomo, dopo essere stato denunciato per l’utilizzo del documento falso, è stato condotto in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Topo d'appartamento beccato dai Falchi si finge polacco per non farsi arrestare

CataniaToday è in caricamento