"False" supposte per bambini, la Geymonat si scusa e assicura controlli

"Ritengo doveroso scusarmi a nome mio e della mia azienda per il disagio e le incertezze che questi eventi stanno generando fra i medici, farmacisti e consumatori". Lo afferma il presidente del gruppo chimico-farmaceutico, Giuseppe Salvia

Ritengo doveroso scusarmi a nome mio e della mia azienda per il disagio e le incertezze che questi eventi stanno generando fra i medici, farmacisti e consumatori: quel circuito sanitario che la Geymonat, da sempre, ha considerato essere destinatario della massima attenzione per meritarne considerazione e fidelizzazione". Lo afferma il presidente del gruppo chimico-farmaceutico, Giuseppe Salvia, sul provvedimento Aifa che, a scopo cautelativo, ha effettuato un'azione di monitoraggio su taluni lotti di farmaci che potrebbero essere nuovamente disponibili sul mercato, successivamente all'esito delle analisi condotte dall'Istituto superiore di sanità.

La questione riguarda delle supposte in commercio che dovevano curare la tosse dei bambini e, invece, erano prive del principio attivo. L'azienda farmaceutica con sede anche a Catania, la Geymonat, non aveva più a disposizione il principio attivo per problemi di accordi commerciali e avrebbe deciso, lo stesso, di mettere in commercio il farmaco.

"La Geymonat - precisa il presidente della società - ha tempestivamente provveduto a riorganizzare i reparti strategici aziendali con l'inserimento di tre nuovi tecnici di qualificata competenza ed esperienza nelle funzioni di 'Persona Qualificata', responsabile 'Controllo Qualita'' e responsabile 'Assicurazione Qualità' che rappresentano la nuova ossatura della nostra azienda, a garanzia della qualità della produzione, che continua ad essere attiva, e in adempimento alle normative nazionali e internazionali. Abbiamo inoltre affidato un incarico a una società specializzata nel monitoraggio delle strutture tecnico-produttive in ambito farmaceutico. Stiamo gestendo le ispezioni che inevitabilmente avvengono allorchè in una struttura farmaceutica vi è l'ingresso di nuove persone qualificate e dei loro più stretti collaboratori - sottolinea Salvia - ma siamo certi che le risorse individuate riusciranno a gestire con estrema professionalità le criticita' emerse in questo delicatissimo momento. Ci teniamo a precisare che la nostra azienda ha ripreso la normale attività di produzione e distribuzione di lotti sottoposti a rigidi controlli e assolutamente a norma". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento