Fava intervistato da "Le Iene": "Una violenta aggressione verbale"

La commissione regionale Antimafia siciliana ha trasmesso alla Procura di Ragusa e alla Dda di Catania l'audio di 84 minuti relativo a una intervista sul "caso Antoci" che è stata fatta domenica scorsa al presidente Claudio Fava da una troupe de le Iene

Una "aggressione verbale", una "forma di intimidazione", una "sedicente intervista che si è rivelata subito essere altro". Così il presidente della commissione regionale Antimafia Claudio Fava racconta ai giornalisti un'intervista rilasciata domenica, a Comiso, alla trasmissione televisiva le Iene - e non ancora andata in onda - sul caso Antoci e sul lavoro a riguardo della commissione Ars.

"Sono stato avvicinato dal giornalista mentre ero nel mio albergo a Comiso - racconta incontrando i giornalisti nelle stanze della commissione Antimafia a Palazzo dei Normanni - MI hanno chiesto un'intervista e nonostante non fosse programmata, ho accettato. Ma sono stati 84 minuti di aggressione violenta nei toni, nelle affermazioni e nei contenuti molto minacciosi. Non erano previste domande, ma solo affermazioni anche calunniose sull'operato della commissione, accusata persino di aver imbeccato gli auditi durante i lavori sul caso Antoci".

La commissione, ha fatto sapere Fava, "ha deciso di trasmettere il file audio alla procura di Ragusa e alla Dda di Catania per le loro opportune valutazioni". Il file è stato anche messo a disposizione dei giornalisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento