rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Mineo

Nigeriana uccisa al Cara di Mineo, il marito resta in carcere

Resta in carcere il 30enne maliano, Bill Francis, accusato di avere ucciso con una coltellata alla gola la sera dell'1 gennaio scorso, la moglie, la nigeriana Miracle Francis, di 26 anni

Resta in carcere il 30enne maliano, Bill Francis, accusato di avere ucciso con una coltellata alla gola la sera dell'1 gennaio scorso, la moglie, la nigeriana Miracle Francis, di 26 anni, nel suo alloggio nel Cara di Mineo. Lo ha deciso il Gip di Catania che ha convalidato il suo fermo ed emesso un'ordinanza per omicidio volontario aggravato. Il provvedimento dovrà essere confermato entro 20 giorni dal Giudice per le indagini preliminari di Caltagirone, competente per territorio.

L'uomo era stato fermato l'indomani da personale della squadra mobile della Questura di Catania mentre in un Internet-point cercava, usando i documenti di un connazionale, di farsi inviare dei soldi che l'accusa ritiene avrebbe usato per fuggire. Il movente privilegiato è la gelosia dell'uomo, con la moglie che non aveva intenzione di seguirlo nella regione del Nord Italia dove lui viveva, e poi all'estero.

La famiglia, marito, moglie e due figli, un bambino di sei anni e una bambina di otto anni, era stata separata in Libia dai trafficanti d'uomini. La donna e i figli erano arrivati in Sicilia nel dicembre del 2016 e accolti nel Cara di Mineo, dove hanno presentato di domanda per il permesso da rifugiati, e l'uomo era sbarcato nei mesi scorsi sempre nell'isola, ma trasferito subito in un centro del nord Italia. Da lì sarebbe partito e arrivato al Cara probabilmente per riunirsi con la sua famiglia e convincere moglie e figli a lasciare la struttura, dove si erano bene inseriti, e a seguirlo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nigeriana uccisa al Cara di Mineo, il marito resta in carcere

CataniaToday è in caricamento