Fermati 6 scafisti per lo sbarco di 841 migranti ed un cadavere

Sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in relazione allo sbarco di 841 migranti di varie nazionalità e 1 cadavere di sesso femminile giunti presso il Porto di Catania nella mattinata di ieri 21 luglio

La polizia e la guardia di finanza di Catania, sotto il coordinamento della Procura di Catania, hanno posto in stato di fermo 6 cittadini extracomunitari, gravemente indiziati del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in relazione allo sbarco di 841 migranti di varie nazionalità e 1 cadavere di sesso femminile giunti presso il Porto di Catania nella mattinata di ieri 21 luglio, a bordo della nave della Marina Militare spagnola “Esps Reina Sofia”. 

I migranti, tutti provenienti dalle coste libiche, sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia. I cittadini stranieri fermati sono :
AL LAJMA Mohamad, nato in Libia (cl. 1986); 
ALMERABIT Ali, nato in Libia (cl. 1988);
ABDELRAHMAN Khalifa, nato in Libia (cl. 1988);
BAKARYS Jatta, nato in Gambia (cl. 1994);
DIOP Babakari, nato in Senegal (cl. 1993);
D.D. nato in Senegal (cl. 1999), minorenne.

BAKARYS Jatta, ALLAJMA Mohamad e DASYLVA Dyibril sono stati individuati quali componenti dell’equipaggio di un natante in legno sul quale viaggiavano migranti, soccorsi il decorso 19 luglio dalla nave “HMS Enterprise” della Marina Militare inglese e trasbordati nella medesima giornata sulla nave della Marina Militare spagnola “Reina Sofia”. 

DIOP Babakar è stato individuato quale conducente di un gommone di circa 12 metri su cui, mentre ABDELRAHMAN Khalifa e ALMERABIT Ali sono stati identificati quali componenti dell’equipaggio di un natante che ha trainato il predetto gommone fino alle acque internazionali. I migranti in questione sono stati soccorsi in acque internazionali nella giornata del decorso 19 luglio dalla citata nave della Marina Militare spagnola “Reina Sofia”. 

Dalle dichiarazioni dei migranti è emerso che sono giunti in Libia dai Paesi di origine per essere poi condotti in connection house ubicate nella zona di Tripoli, sorvegliati da trafficanti anche armati e successivamente condotti sulle vicine spiagge ove sono stati imbarcati su diversi gommoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento