Ferrarotto, incinta muore dopo dimissioni dall'ospedale: aperta inchiesta

Teksa Abraha - un'eritrea di 28 anni al quarto mese di gravidanza- ha accusato un malore due giorni fa. Prima è stata condotta nell'ospedale di Caltagirone e, poi, trasferita a Catania. Si indaga sul caso

Teksa Abraha, un'eritrea di 28 anni al quarto mese di gravidanza, è morta ieri sera dopo essere stata dimessa dall'ospedale Ferrarotto di Catania. La donna era ospite del Centro accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo (Cara) di Mineo, dove si trovava dall'agosto del 2012 insieme al marito.

Sulla vicenda il procuratore di Caltagirone, Francesco Paolo Giordano, ha aperto un'inchiesta conoscitiva, al momento senza indagati, e ha disposto l'autopsia.

Secondo quanto ricostruito, la donna ha accusato un malore due giorni fa e condotta in ambulanza nell'ospedale di Caltagirone, dove le sarebbero stati diagnosticati problemi cardiaci. Per questa ragione era stata trasferita a Catania, al "Ferrarotto", dove è stato evidenziato un aneurisma all'aorta.

Visto il suo stato di gravidanza le era stato chiesto il consenso per una Tac e l'indomani era stata dimessa. Nella serata di ieri la donna colta da malore è stata trasferita d'urgenza nell'ospedale di Caltagirone, dove è arrivata già morta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento