Ferrovie, fino al venerdì il referendum sull'accordo del 20 luglio

A Catania, si vota nel seggio fisso della Stazione centrale, al Binario1, nella sede sindacale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

È in corso da oggi fino al 3 agosto il referendum per validare le ipotesi di accordo del 20 luglio sul contratto collettivo mobilità area attività ferroviaria. Il referendum è stato indetto dalle segreterie nazionali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovie, Fast Ferrovie. Oltre che sul rinnovo del Ccnl, i dipendenti FS sono chiamati a validare anche il rinnovo del contratto aziendale.

A Catania, si vota nel seggio fisso della Stazione centrale, al Binario1, nella sede sindacale. Due seggi mobili, uno da Bicocca fino a Caltagirone e l’altro fino a Giarre/Alcantara, permetteranno di esprimersi anche al personale d’esercizio tronchi e zone. Per votare c'è tempo fino alle 14 del 3 agosto. Nel territorio etneo, il referendum coinvolge 600 lavoratori dell'area ferroviaria.

Il contratto sottoposto a referendum dei lavoratori costituisce un importante punto di riferimento nel contesto dei trasporti, soprattutto se si considera la gravissima crisi che attraversa il settore e mette in difficoltà aziende e lavoratori.

Il nuovo contratto è tutto giuocato su una positiva relazione tra produttività e salario, consente all'impresa di competere in modo agile sul mercato, offre ai lavoratori nuove forme di tutela e aumenti salariali attesi da molto tempo. Il modello contrattuale amplia la sfera del welfare per i lavoratori, valorizza le attività professionali, lega una cospicua parte variabile del salario a reali aumenti di produttività.

La Fit Cisl considera questo accordo con grande favore, vista la preoccupante situazione in cui versa l'intera galassia dei trasporti, e si augura che molte altre vertenze possano nei prossimi mesi trovare adeguata soluzione con una analoga architettura di quella raggiunta per mobilità/attività ferroviarie e Ferrovie dello Stato italiane: produttività, welfare, lavoro. Sarebbe un bene non solo per centinaia di migliaia di occupati nei trasporti, ma favorirebbe in modo incisivo e diretto una reale ripresa dell'economia italiana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento