Festa carabinieri, anniversario tra austerity e importanti risultati

Una cerimonia all'insegna della sobrietà quella svolta nella suggestiva cornice della caserma "Vincenzo Giustino" di Piazza Giovanni Verga. Tante, invece, le operazioni portate avanti negli ultimi 12 mesi dall'arma etnea

Una cerimonia all'insegna della sobrietà quella svolta nella suggestiva cornice della caserma “Vincenzo Giustino” di Piazza Giovanni Verga, storica sede del comando provinciale carabinieri di Catania. L'arma del capoluogo etneo e della provincia, infatti, ha festeggiato questa mattina, alle ore 10.00, il 199° annuale della fondazione dell’Arma.

Nel corso della cerimonia, il comandante provinciale ha richiamato il significato della celebrazione alle soglie del bicentenario della fondazione, rimarcando i valori sui quali si basa l’Istituzione.

In chiusura del suo intervento, il comandante ha fatto un breve cenno ai risultati operativi più salienti collezionati dall’arma etnea nei 12 mesi precedenti.

RISULTATI CONSEGUITI NELL'ULTIMO ANNO.

Dal 1° giugno 2012 al 31 maggio 2013, ha perseguito il 78 % del totale dei delitti che hanno interessato il territorio etneo, effettuando 1739 arresti in flagranza di reato e procedendo a alla denuncia in stato di libertà di 12.668 persone. A questi, si aggiungono i 684 arresti operati su disposizione dell’autorità giudiziaria.

Massimo è stato l’impegno profuso nel contrasto delle manifestazioni criminali che pregiudicano maggiormente la sicurezza percepita dai cittadini, quali i reati “predatori” e quelli inerenti alle “droghe”.

Particolarmente incisiva è stata anche l’azione condotta nei quartieri più a rischio della città nel settore del contrasto del mercato illegale degli stupefacenti, a riprova che non esistono “zone franche” per i reati inerenti al traffico e allo spaccio di droga; sono stati eseguiti, infatti, 417 arresti e sequestrati circa 61 kg di stupefacenti.

Per quanto riguarda le armi, sono state sottratte alla criminalità 135 armi di vario genere e sequestrate 10288 munizioni di vario calibro.

Contrasto del fenomeno “pizzo”, che ha consentito l’arresto in flagranza di 23 persone e la denuncia di altri 133 individui per estorsione. Tra le diverse operazioni nello specifico settore è meritevole di menzione quella conclusa il 31 gennaio scorso nei confronti di 6 affiliati al clan Santapaola-Ercolano, che ha segnato la fine di un incubo per il gestore di un bar di Librino assoggettato a richieste estorsive sin dal 2004.

OPERAZIONI A CONTRASTO DELLA CRIMINALITà ORGANIZZATA.

 “CASTIGO ”, del 25 settembre 2012, conclusa dall’arma con l’arresto su ordine di custodia cautelare di 10 pregiudicati appartenenti ad un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere Picanello.

“STELLA POLARE”, del 31 luglio 2012 , in cui i Carabinieri hanno arrestato 10 pregiudicati appartenenti al clan “Santapaola-Ercolano”, accusati a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso (con l’aggravante dell’essere l’associazione armata) e di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (cocaina e marijuana);

 “SANFILIPPO”, del 18 dicembre 2012, grazie alla quale i Carabinieri di Catania hanno sgominato un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere del Villaggio Sant’Agata del capoluogo etneo, eseguendo 11 misure cautelari nei confronti dei responsabili dell’organizzazione e dei pusher;

 “SQUALO”, del 21 febbraio 2013, con la quale i Carabinieri hanno eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di affiliati al clan criminale catanese “Santapaola-Ercolano”, operanti nel territorio tra Acicatena ed Acireale, ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata a rapine, i cui proventi servivano a sostenere le spese legali ed i famigliari degli affiliati detenuti.

“FIORI BIANCHI 2”, del 27 marzo 2013, nella quale il Comando Provinciale Carabinieri di Catania ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia a carico di sette appartenenti al clan “Santapaola-Ercolano” responsabili di quattro omicidi commessi a Catania tra il 1995 e il 2009 e finora rimasti insoluti;

“CHARMANT”, dell’8 aprile 2013, con cui l’Arma ha arrestato 9 persone su ordine di custodia cautelare perché responsabili a vario titolo e in concorso tra loro di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, smantellando nel calatino una fitta rete di spacciatori che avevano trasformato Palagonia in un vero e proprio “centro di eccellenza” per lo spaccio di droghe;

“FIORI BIANCHI 3”, del 16 aprile 2013, nella quale il Comando Provinciale Carabinieri di Catania ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia a carico di 77 appartenenti al clan “Santapaola-Ercolano” responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni, estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti, questi ultimi due reati aggravati dall’aver agito avvalendosi delle condizioni previste dall’art. 416 bis e al fine di agevolare il sodalizio d’appartenenza;

“BAD BOYS”, del 10 maggio 2013, che ha permesso ai militari dell’Arma di eseguire 4 ordinanze cautelari a carico di amministratori e tecnici di società che si occupavano della gestione integrata dei rifiuti nei comuni del Calatino, i quali avevano messo in atto un traffico per lo smaltimento illecito di rifiuti, tramite truffa e frode nelle pubbliche forniture, attestando fittizie percentuali di raccolta differenziata - in realtà mai posta in essere - pari a volte anche al 70%.

Oltre a ciò, l' operazione “Mattone Sicuro”, consistente in una serie di verifiche e controlli nei cantieri in materia di legislazione sociale e di sicurezza sul lavoro.

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare fai-da-te: alcuni consigli

  • Abbronzatura: consigli per esaltarla

  • Sbornia: cause, sintomi e rimedi

  • Viaggiare in auto: consigli per combattere il caldo

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al villaggio Ippocampo, suv con sei minorenni capotta

  • Incidente stradale sull'asse dei servizi, ferite due persone in moto

  • Catania 2.0: "Quanto ha speso il Comune per la visita del ministro?"

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • Catania Summer Fest: tutti gli appuntamenti dal 17 al 31 agosto

  • San Gregorio, polstrada denuncia 12 "furbetti del casello"

Torna su
CataniaToday è in caricamento