Cronaca

Festa di Sant'Agata, accordo tra Diocesi e comune: ecco il nuovo capo vara

Il 'capo mastro' quest'anno sarà Claudio Consoli, nato a Catania il 18 novembre 1979. A lui il compito di curare (senza remunerazione )la preparazione e la pulizia del Fercolo, accertarsi del collaudo, regolare l'andamento del fercolo e dirigere le operazioni di uscita ed entrata dalla cattedrale

Non ci sarà alcun comitato organizzativo per la prossima festa di Sant'Agata e le processioni del 4, 5 e 12 febbraio 2015: sarà la stessa Diocesi di Catania, in collaborazione con il comune, ad organizzare autonomamente le celebrazioni. In particolare la Diocesi provvederà ad organizzare autonomamente le celebrazioni religiose in onore della Patrona, mentre l'amministrazione provvederà alle manifestazioni connesse al resto dei festeggiamenti. E' quanto stabilito dall'accordo appena stipulato tra l'arcivescovado e palazzo degli elefanti.

Il 'capo mastro' quest'anno sarà Claudio Consoli, nato a Catania il 18 novembre 1979. A lui il compito di curare (senza remunerazione )la preparazione e la pulizia del Fercolo, accertarsi del collaudo, regolare l'andamento del fercolo e dirigere le operazioni di uscita ed entrata dalla cattedrale.

"Nel caso di eventi imprevisti - specifica una nota della Diocesi -prima di prendere qualsiasi decisione, dovrà coordinarsi con l’autorità di PS designata dall’ordinanza del Questore". Potrà avvalersi della collaborazione di 12 persone scelte tra gli iscritti alle Associazioni agatine: cinque al Fercolo, uno allo Scrigno, uno alle Maniglie, due al Baiardo, uno alla Casa del Fercolo, due allo smaltimento della cera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di Sant'Agata, accordo tra Diocesi e comune: ecco il nuovo capo vara

CataniaToday è in caricamento