Festa di Sant'Agata: importanti decisioni per garantirne la legalità

Da sempre, la festa di Sant'Agata si scontra con logiche che di sacro hanno ben poco. Il Comitato per la legalità nella festa di S.Agata, in una nota, si schiera contro il Comune

Da sempre, la festa di Sant'Agata si scontra con logiche che di sacro hanno ben poco. Per questo, spesso, si parla di una festa in bilico tra il sacro e il profano. Quest'anno, per far tacere le solite voci - contro anche la presenza di mafiosi intorno alla vara - è stato indetto un bando pubblico per la raccolta della cera ed è stato emanato un regolamento per il conferimento di incarichi per la parte organizzativa della festa che compete alla chiesa.

Dal Comitato per la legalità nella festa di S.Agata: “Quest’anno il Comitato deve riconoscere che la chiesa cattolica di Catania ha preso alcune importanti decisioni. Citiamo la forte dichiarazione del vescovo Gristina contro la presenza di mafiosi intorno alla vara, il bando pubblico per la raccolta della cera, l’emanazione di un regolamento per il conferimento di incarichi per la parte organizzativa della festa che compete alla chiesa.

In contrasto, il Comune continua a non elaborare un Regolamento ufficiale, oggi inesistente, che definisca tempi luoghi e responsabiltà per le celebrazioni, e sembra ignorare le dichiarazioni di alcuni pentiti sul rapporto tra cosche mafiose e candelore. Tali dichiarazioni sono state rese durante il processo ancora in corso sulle infiltrazioni mafiose nella festa e saranno presentate nel corso della conferenza.

L’Amministrazione comunale, invece, insiste nell’emanare ordinanze che già l’anno scorso si sono rivelate inefficaci, quali quelle volte a delimitare alcune aree per l’accensione dei cerei. Sappiamo tutti che nel 2011 tale ordinanza è stata in gran parte ignorata, con la conseguenza che ancora una volta le strade del centro si sono riempite di cera, con grave danno all’integrità fisica dei catanesi e all’economia della città, visto che il costo per la pulizia della cera superò i centomila euro.

Per un rispetto vero della festa e per la dignità dei catanesi questo Comitato continua a chiedere l’emanazione di un chiaro Regolamento comunale della festa. Allo stesso tempo, il Comitato esprime il proprio apprezzamento per le forze dell’ordine e per i loro sforzi contro ogni forma di illegalità nel corso delle celebrazioni
".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento