rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca

Devoto morto durante festa di Sant'Agata: 900 mila euro a genitori, moglie e figli

Era rimasto ferito durante la salita di San Giuliano nel corso della festa di Sant'Agata nel 2004 e poi morto. Il Tribunale condanna al risarcimento del danno il Comitato per i festeggiamenti agatini, l'Arciodicesi di Catania e il ministero degli Interni

Per la morte di Roberto Calì rimasto ferito dal fercolo di San'Agata durante la salita di San Giuliano nel corso della festa religiosa del 2004 e poi morto, il Tribunale civile di Catania ha chiamato in solido per il risarcimento del danno il Comitato per i festeggiamenti agatini, dell'Arciodicesi di Catania e del ministero degli Interni.

La decisione è del giudice Dora Bonifacio che ha condannato le tre istituzioni, in solido, a pagare un risarcimento danni complessivo di oltre 900 mila euro a genitori, moglie e a figli di Calì.

L'indennizzo è stato riconosciuto malgrado nel processo penale fossero state archiviate tutte le posizioni eccetto quella del "capovara" Alfio Rao, condannato in via definitiva dalla Cassazione a 4 mesi di reclusione.

Calì, ventiduenne disoccupato, sposato e padre di due figli, morì il 7 febbraio per conseguenza di una vasta emorragia epatica causata dalla calca attorno al fercolo della patrona di Catania sulla salita di San Giuliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Devoto morto durante festa di Sant'Agata: 900 mila euro a genitori, moglie e figli

CataniaToday è in caricamento