Festa Sant'Agata, vietati i fuochi per la vendita di alimenti e i ceri accesi

Vietati, nel periodo delle festività Agatine, l'accensione dei fuochi per la vendita e il consumo di alimenti lungo il percorso del Fercolo e l'accensione e il trasporto dei ceri accesi in tutto il territorio comunale. Lo ha deciso il sindaco Enzo Bianco con due distinte ordinanze

Vietati, nel periodo delle festività Agatine, l'accensione dei fuochi per la vendita e il consumo di alimenti lungo il percorso del Fercolo e l'accensione e il trasporto dei ceri accesi in tutto il territorio comunale. Lo ha deciso il sindaco Enzo Bianco con due distinte ordinanze.
In particolare, la prima disposizione vieta nei giorni 4 e 5 febbraio, lungo il percorso del Fercolo e nei siti e vie adiacenti, lo svolgimento di qualunque attività commerciale che dia luogo all'accensione di fuochi con bombole e bracieri per le attività di vendita e consumo di alimenti.

"L'ordinanza nasce dalla prevedibile grande affluenza di cittadini, fedeli e turisti - si legge -  ed è finalizzata a evitare situazioni di pericolo per la tutela della salute e dell'incolumità pubblica. I siti interessati dal divieto sono: mercoledì 4 febbraio, piazza Duomo, via Dusmet, piazza Giovanni XXIII, viale Libertà, via Umberto, piazza Stesicoro, salita Cappuccini, piazza della Borsa e vie adiacenti; giovedì 6 febbraio: piazza Duomo, piazza Università, via Etnea, piazza Stesicoro, via Caronda, piazza Cavour, via A. di Sangiuliano, via Crociferi, via Garibaldi, e vie adiacenti. La mancata osservanza della disposizione sarà punita ai sensi dell'art. 20 della L.R. 18/95, con la sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 per chi esercita il commercio abusivo. Prevista anche la confisca delle attrezzature e della merce oltre alle eventuali sanzioni amministrative e penali".

La seconda ordinanza vieta, sempre nei giorni della Festa, il 3, 4, 5 e 6 febbraio, l'accensione e il trasporto dei ceri accesi in tutto il territorio comunale. "Questo perché l'accensione e il trasporto dei ceri accesi da parte dei devoti potrebbe comportare problemi di pubblica incolumità e pericolo di incidenti, anche gravi, per pedoni e autoveicoli", si legge nella nota del Comune.

L'accensione dei ceri è invece consentita, per contemperare le esigenze di sicurezza con le tradizioni dei fedeli, in siti opportunamente delimitati e attrezzati. Si tratta di: piazza Stesicoro, lato ovest, via Cardinale Dusmet, fontana S. Agata, slargo tra la via Caronda, via Fondaco e via Canfora; piazza Cavour, lato sud-ovest. La Polizia Locale, i Vigili del Fuoco e le Forze dell'Ordine assicureranno il controllo del territorio nell'osservanza delle ordinanze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento