menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Mirabella Imbaccari disponibile la fibra ottica in 3mila abitazioni

Il sindaco: adesso si naviga come nelle grandi città, comunità pronta ad affrontare le sfide future

Viaggiare sul web a 1 Gigabit al secondo non è più un sogno per la città del “Tombolo”. È infatti già attiva a Mirabella Imbaccari la nuova rete pubblica di telecomunicazioni a banda ultralarga, innovazione tecnologica riservata alle cosiddette “aree bianche” finora scoperte da efficaci servizi di connettività al web. I lavori sono stati condotti da Open Fiber, società per azioni chiamata a realizzare l’infrastruttura che consente a cittadini e imprese di beneficiare di velocità di accesso a Internet inedite. Le risorse stanziate non gravano sul bilancio del Comune: la rete è infatti finanziata con fondi regionali e statali e resterà di proprietà pubblica. Le attività sono state coordinate da Infratel, società “in house” del Ministero dello Sviluppo Economico, con l’attenta supervisione della Regione Siciliana. Complessivamente sono state cablate in fibra ottica 3.173 unità immobiliari, abitazioni e attività commerciali oggi già predisposte a navigare sul web alla velocità di 1 Gigabit al secondo. Oltre a case private e insediamenti produttivi, la fibra ottica è stata posata all’interno di 9 edifici pubblici: tra questi spiccano i tre plessi scolastici dell’Istituto comprensivo “De Amicis”, il Municipio, la biblioteca e la ludoteca comunali.

“Poter disporre di una nuova rete all’avanguardia – spiega il sindaco Giovanni Ferro – rende la nostra comunità al passo coi tempi e sempre più attrezzata ad affrontare le sfide del futuro. L’emergenza Covid ci ha dimostrato quanto la connettività sia importante, a maggior ragione nelle aree interne finora sprovviste di infrastrutture moderne. A Mirabella Imbaccari adesso si può navigare alla stessa velocità disponibile nelle grandi città. Intendo, quindi, ringraziare le istituzioni che hanno permesso di centrare questo fondamentale obiettivo, dalla Regione Siciliana al Ministero per lo Sviluppo Economico attraverso la società Infratel. Un plauso va anche alla società concessionaria Open Fiber, rappresentata dalla regional manager Clara Distefano e dal field manager Gaspare Lunetto, sempre pronta a recepire le istanze provenienti dal territorio e a risolvere le criticità incontrate durante l’iter di realizzazione dell’opera e, infine, all’Ufficio tecnico di questo comune che ha prontamente rilasciato le autorizzazioni del caso ed ha vigilato circa l’esecuzione a regola d’arte dei lavori di ripristino . Una rete a banda ultralarga permette di abilitare servizi che vanno a beneficio dell’intera collettività: smart working, telemedicina, telelavoro, educazione a distanza, Industria 4.0, videosorveglianza, domotica e tanto altro ancora da inventare. Non a caso, le infrastrutture interamente in fibra ottica possono definirsi “a prova di futuro” poiché in grado di supportare successive evoluzioni tecnologiche. “È importante ricordare ai cittadini interessati – conclude il primo cittadino – che per usufruire di questa opportunità è necessario verificare la copertura del proprio indirizzo sul sito openfiber.it: in caso positivo si può quindi scegliere il piano tariffario preferito tra le diverse offerte e contattare uno degli operatori disponibili per poi iniziare a navigare ad alta velocità. La scelta è del resto ampia perché Open Fiber è il soggetto che realizza l’infrastruttura, mentre ad occuparsi dell’attivazione sono invece diversi operatori piccoli e grandi che si poggiano sulla nuova rete a banda ultralarga”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Sicurezza

Cucina senza cattivi odori? I rimedi naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento