Fiera, Stancanelli dispone lavori di ristrutturazione dei bagni pubblici

Sopralluogo in piazza Carlo Alberto per verificare lo stato dei luoghi e predisporre immediati interventi e conseguente riapertura al pubblico dei servizi, inagibili da parecchio tempo

Il sindaco Raffaele Stancanelli, affiancato dai responsabili comunali delle Attività Ispettive e delle Manutenzioni, ha effettuato un sopralluogo presso i bagni pubblici dell'area della Fiera di piazza Carlo Alberto, siti in via Candio 32. Il primo cittadino ha voluto verificare lo stato dei luoghi per predisporre immediati interventi di ristrutturazione e conseguente riapertura al pubblico dei servizi, inagibili da parecchio tempo.

“Siamo riusciti a trovare la disponibilità economica – ha detto il sindaco Stancanelli - e così ho dato disposizione di iniziare già il prossimo lunedì i lavori, che saranno portati a termine in tempi brevissimi. Con il completamento di queste opere possiamo dire che la gran parte dei bagni pubblici a Catania sono tornati agibili e a disposizione dei cittadini. A volte lavori di piccola manutenzione sono più importanti e urgenti di altri più grandi, perché interessano direttamente la vita dei cittadini”.

Coordinati dall'Ufficio comunale Manutenzioni e affidati alla Multiservizi, i lavori per la sistemazione dei bagni di via Candio dovrebbero concludersi prima delle festività agatine. Riguarderanno il ripristino di impianto idrico, sanitari, rubinetteria, flessibili, porte, illuminazione (con posizionamento di un faro esterno). Previsti anche il rifacimento della sede stradale antistante i servizi e interventi di manutenzione ordinaria sull'intera superficie di piazza Carlo Alberto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento