Sequestrati oltre 200 mila giocattoli falsi: denunciato imprenditore cinese

Gli articoli sequestrati, pronti per essere distribuiti e venduti a Catania e in provincia, erano riconducibili a personaggi di cartoni animati e film attualmente in voga tra i più piccoli

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania, nell’ambito dei servizi a contrasto della contraffazione marchi, hanno sequestrato nell’hinterland catanese oltre 200.000 prodotti contraffatti e denunciato all’autorità giudiziaria un imprenditore cinese. L’operazione svolta dalle fiamme gialle etnee , eseguita nel corso delle festività natalizie, ha consentito di scoprire nel comune di Misterbianco  un distributore all’ingrosso di giocattoli contraffatti per l’utilizzo di loghi, nomi e disegni di noti brand.

In particolare, gli articoli sequestrati, pronti per essere distribuiti e venduti a Catania e in provincia, erano riconducibili a personaggi di cartoni animati e film attualmente in voga tra i più piccoli, quali Peppa Pig, Pokemon, Spiderman, Star Wars, Topolino, Tartarughe Ninja, Toy Story, Cars, Paw Patrol.

Questi prodotti destinati ai “giovani acquirenti” erano privi o carenti dei contenuti informativi minimi previsti dal codice del consumo per la loro regolare commercializzazione nel territorio dell’Unione Europea. L’ispezione dell’attività commerciale ha riguardato non solo i locali del negozio in cui la merce era in esposizione, ma anche quelli del vicino deposito in cui era immagazzinata, all’interno di un soppalco, la gran parte della merce illegale. Al termine delle attività il titolare di nazionalità cinese è stato denunciato alla Procura di Catania per il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento