Finge di essere un carabiniere e paga con soldi falsi: catanese denunciato

Prima in una lavanderia e poi in un minimarket, entrambi della provincia leccese, l'uomo aveva pagato con banconote da 100 euro contraffatte, incassando regolarmente il resto

Un catanese di 22 anni, L.G, residente ad Adrano è stato denunciato dai carabinieri di Lecce per truffa e spendita di denaro falso. Il giovane già lo scorso 23 novembre si era recato in una lavanderia della provincia leccese fingendo di essere un carabiniere, richiedendo il lavaggio dell'uniforme, pagando in anticipo con 100 euro e incassando il resto, spiegando, però, che avrebbe fatto ritirare la divisa poco dopo dalla moglie. Dopo diverse ore però nessuno ha ritirato l'uniforme e insospettitasi la titolare della lavanderia ha controllato la banconota ricevuta, comprendendo che si trattava di soldi falsi. Così la donna ha sporto regolare denuncia ai militari del comando provinciale.

Due giorni dopo l'uomo si è recato a fare degli acquisti in un minimarket a Scorrano presentandosi alla cassa, ancora una volta, con 100 euro false. La titolare dell'attività commerciale ha incassato la banconota, rendendosi conto solo dopo di aver ricevuto denaro contraffatto. Anche la donna ha sporto regolare denuncia ai carabinieri di Lecce che hanno rilevato le impronte digitali, per poi acquisire le immagini di videosorveglianza nella zona in cui si trovano la lavanderia e il minimarket.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento