San Giovanni Galermo, piazza Chiesa Madre è troppo stretta: "Via le fioriere"

All’indomani della riqualificazione, le fioriere furono spostate da qualcuno per ricavare lo spazio necessario a parcheggiarci l’auto o lo scooter

Piazza Chiesa Madre, a San Giovanni Galermo è alle prese da tempo con problemi di viabilità e vivibilità. "In tutta la zona - spiega il vice presidente della municipalità Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo - le strade sono talmente strette da non consentire il posteggio delle auto senza paralizzare il traffico. Questo non fa che penalizzare i commercianti del rione che chiedono l’istallazione di alcuni stalli per la sosta breve. Da qui il progetto per lo spostamento delle fioriere che delimitano l’ingresso ovest di piazza Chiesa Madre e che oggi servono ad impedire l’accesso alle auto. Ostacoli che potrebbero essere posizionati a ridosso delle panchine ricavando lo spazio necessario a creare alcuni box che potrebbero essere usati, per la sosta breve, dai clienti dei tanti negozi dell’area. In questo modo piazza Chiesa Madre resterebbe comunque pedonale e, allo stesso tempo, si darebbe un contributo determinante al commercio della zona nord di San Giovanni Galermo".

All’indomani della riqualificazione del sito, le fioriere furono spostate da qualcuno per ricavare lo spazio necessario a parcheggiarci l’auto o lo scooter. Da qui un continuo riposizionamento dei vasi che ha avuto il solo effetto di danneggiare l’arredo urbano. Una proposta che potrebbe soddisfare tutti i soggetti interessati comportando costi praticamente nulli per le casse comunali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento