menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Firmato protocollo per l'accoglienza in ambito scolastico dei minori adottati

Sottoscritto dall'assessore Villari per il Comune, dal direttore dell'Asp Giammanco e da quello dell'Ufficio scolastico Grasso, e dalla presidente dell'associazione "Genitori in cammino" Vera Crisafulli

Un "Protocollo di buone prassi per l'accoglienza in ambito scolastico dei minori adottati" è stato sottoscritto dall'assessore al Welfare Angelo Villari per il Comune di Catania, dal direttore generale dell'Asp, Giuseppe Giammanco, dal direttore dell'Ufficio scolastico, Emilio Grasso, e dalla presidente dell'associazione "Genitori in cammino" Vera Crisafulli nella Sala Giunta di Palazzo degli elefanti.

"L'Amministrazione, per volere del sindaco Bianco - ha detto Villari - è impegnata a tutelare i diritti dell'infanzia e delle famiglie anche con iniziative riguardanti le adozioni, favorendo la costruzione di strumenti utili ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie attraverso una delibera di indirizzo politico approvata dalla Giunta già nel mese di agosto. Un buon inserimento scolastico è presupposto di fondo per una crescita equilibrata del minore e questo protocollo, proposto dall'Ufficio Adozioni, retto da Maria Teresa Rizzarelli seguendo le "Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati" della ministro Stefania Giannini, fornisce conoscenze e linee di indirizzo tecnico-metodologico per garantire percorsi di accoglienza e inserimento degli adottati nella scuola, mettendo in rete la famiglia, tutti gli operatori istituzionali, gli enti autorizzati e le associazioni delle famiglie adottive del territorio distrettuale. Catania è la seconda città siciliana, dopo Messina, a sottoscrivere questo protocollo che consideriamo di notevole rilevanza sociale".

"L'obiettivo di questo protocollo - ha spiegato Giuseppe Giammanco - è definire le mappe, definire dei percorsi attraverso una collaborazione tra Istituzioni per far sì che il minorenne adottato possa trovare le risposte migliori. Ancora bisogna lavorare ma certamente certi riferimenti condivisi possono permettere di ottenere il massimo dell'efficienza nell'impiego delle risorse".

La dott.ssa Rizzarelli è entrata nel merito del documento spiegando che, per la realizzazione degli obiettivi del protocollo e per consentire la pianificazione strategica degli interventi programmati, sarà costituito un Gruppo Tecnico Scientifico che avvierà attività di sensibilizzazione e formazione agli insegnanti sui temi dell'adozione, in particolare sulla specificità di ogni bambino adottato. Vera Crisafulli, la cui associazione fa parte del coordinamento nazionale Care, ha sottolineato la necessità di garantire il benessere degli alunni attraverso prassi e strumenti adeguati ed Emilio Grasso - il quale, come è stato sottolineato, aveva già sottoscritto un protocollo simile quando era direttore dell'Ufficio scolastico di Messina - ha rimarcato il diritto degli allievi adottati di essere accolti e integrati da personale informato e preparato, in particolare, sulle complessità e sui temi della diversità, del rispetto delle origini e dell'identità personale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Sostituzione infissi: come ottenere lo sconto in fattura

social

L'Amt dona a dipendenti e abbonati circa 1000 borracce "green"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento