Fitti passivi del comune, Confcommercio: "Ecco come stimare il valore di mercato"

La F.I.M.A.A. Confcommercio interviene sull'annosa vicenda dei fitti passivi del comune di Catania con una lettera indirizzata alla'amministrazione proponendo una sorta di 'consulenza' immobiliare per ristabilire il valore di mercato degli immobili in questione

Il presidente della F.I.M.A.A. Confcommercio Antonino Nicolosi interviene a gamba tesa sull'annosa vicenda dei fitti passivi del comune di Catania con una lettera indirizzata alla'amministrazione proponendo una sorta di 'consulenza' immobiliare per ristabilire il valore di mercato degli immobili in questione.

“La nostra associazione non vuole e non può entrare nel merito di interpretazioni “politiche” su quanto fin d’ ora avvenuto ne tanto meno può fungere da Corte dei Conti, ma intende, se richiesto dall’amministrazione comunale, dare un contributo professionale, anche se fosse necessario a titolo gratuito, per individuare con le competenze dei nostri qualificati soci, gli estagli locativi correnti di mercato. La F.I.M.A.A. Confcommercio è stata l’unica organizzazione in grado di fornire al Comune di Catania, su richiesta specifica, i valori dei terreni edificabili ai fini della corretta imposizione fiscale. Riduttivo pertanto ricorrere solo ai dati OMI (Osservatorio del Mercato Immobiliare) o a listini prezzi determinati dai centri studi di settore per assicurare un canone in linea con il mercato.

Risulta a tal fine essenziale una visita sugli immobili oggetto di valutazione per garantire una stima più aderente al caso specifico e redigere nel contempo con i tecnici della amministrazione un verbale sullo stato del bene considerato. La nostra opera avrà più successo se l’ ufficio contratti del Comune sarà in grado di verificare le scadenze dei singoli contratti con un documento che riporti uno scadenziario ufficiale di tutti i contratti, in modo che l’amministrazione possa interrompere i rinnovi automatici entro i termini di legge.

Nel momento in cui si discute di risparmio per pubbliche amministrazioni, portare gli estagli locativi ai livelli di mercato significa incrementare le disponibilità finanziaria dell’amministrazione, consentendo un piccolo taglio in meno, magari nei servizi sociali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento