Prova a strangolare la ex per portare via il figlio: pregiudicato in manette

Non aveva mai accettato la fine della relazione e per questo aveva cominciato a perseguitare la donna minacciandola e pedinandola

I carabinieri di Fiumefreddo hanno arrestato un pregiudicato 37enne di Ispica, in esecuzione di una misura cautelare emessa dal Tribunale di Catania. Sposato con una 31enne di Fiumefreddo di Sicilia, dalla quale ha avuto un figlio - oggi di 8 anni – a causa del suo comportamento violento ha costretto la donna all’inizio del 2017 a chiedere la separazione legale. Scelta mai accettata dall’uomo che ha iniziato a perseguitare la ex con telefonate minacciose, pedinamenti, appostamenti sotto casa fino a giungere ad episodi gravi. Tra tutti quello quando, all’ennesimo tentativo di portare via arbitrariamente il figlioletto, ha tentato di strangolare l'ex senza riuscirci,  grazie all’intervento del padre della vittima e dei carabinieri.

Il tutto violando un divieto di avvicinamento alla donna e un obbligo a dimorare nel comune di residenza, di cui il soggetto non si curava affatto, come peraltro raccontato ai carabinieri da alcuni testimoni, che sotto casa della vittima lo avevano sentito gridare: "Io me ne frego delle misure che mi hanno notificato".

L'uomo, dopo l'intervento dei carabinieri è stato arrestato e si trova attualmente ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento