Flash mob anti razzismo della Cgil: venerdì 19 giugno in piazza Università

"L’Isola senza catene” è il tema della grande campagna di mobilitazione della Cgil e della Flai Sicilia contro il caporalato e lo sfruttamento del lavoro in agricoltura

La Cgil di Catania insieme a tutte le categorie del sindacato, organizzano per venerdì 19 giugno, alle ore 19:30 in Piazza Università, un flash mob Contro il razzismo dedicato alla memoria di George Floyd, cittadino afroamericano, e di Adnan Siddique, il cittadino pakistano ucciso la sera del 3 giugno nel suo appartamento, a Caltanissetta. Due casi lontani geograficamente ma drammaticamente accomunati dallo spirito controverso del nostro presente.

"Ci fa male sapere che, malgrado secoli di lotta al razzismo e di leggi internazionali che proclamano l'uguaglianza tra persone - spiega Giacomo Rota, segretario generale della Cgil- siamo ancora costretti a perpetuare un gesto simbolico di condanna. Razzismo, prevaricazione, sfruttamento, sono manifestazioni terribili di un atteggiamento culturale prima ancora che politico. Catania farà la sua parte ricordando quali sono i valori immortali della nostra democrazia, nel caso italiano ben descritti nella nostra Costituzione".

Anche il fenomeno del caporalato è una declinazione specifica di razzismo, poiché individua nell'altro, solo perché straniero, un essere con diritti minori o addirittura inesistenti. "L’Isola senza catene” è il tema della grande campagna di mobilitazione della Cgil e della Flai Sicilia contro il caporalato e lo sfruttamento del lavoro in agricoltura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Aumenteremo dal canto nostro il pressing sugli sfruttatori, sulle aziende e sulle istituzioni affinché venga rispettata la normativa sul contrasto al caporalato, per esempio aumentando e localizzando sui territori più colpiti, come quello agrumicolo etneo, iniziative di vigilanza e controllo. L'attenzione ai rifugiati, ai migranti, alle comunità straniere presenti da decenni a Catania, - conclude Rota- è peraltro servita a dare corpo, nella nostra città, ad una convivenza pacifica e arricchente che deve crescere nella vita quotidiana così come nei contesti lavorativi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento