Sequestrata area con rifiuti pericolosi vicino alla foce del Simeto

Gli ispettori della polizia municipale hanno individuato pneumatici, materiale di risulta ed eternit,nella zona del castello "Duca di Misterbianco"

Un'area di circa cento metri quadrati ricoperta di rifiuti anche pericolosi è stata individuata dagli ispettori della sezione ambientale della polizia municipale nella zona del castello "Duca di Misterbianco", vicino alla foce del fiume Simeto. L'intervento della municipale, su segnalazione del Wwf Sicilia orientale, ha portato al ritrovamento di rifiuti pericolosi e non quali pneumatici, materiale di risulta ed eternit.

Per evitare l'aggravamento e il reiterarsi del reato, gli ispettori hanno posto sotto sequestro preventivo l'area per violazione della normativa contenuta nel testo unico ambientale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento