Cronaca

Folle inseguimento in Corso Indipendenza, pregiudicato si scontra con la moto della polizia

Il giovane, alla vista degli agenti, ha tentato la fuga scagliandosi con il proprio mezzo contro il motoveicolo dei poliziotti. Nonostante tale manovra avesse provocato la caduta di entrambi i motoveicoli e dei relativi passeggeri

Nella tarda serata di sabato 27 ottobre, la polizia di Stato ha arrestato Gabriele Giuseppe Piterà, (classe 1982), pregiudicato, latitante. L'uomo doveva espiare la pena di anni 1 e 29 giorni di reclusione ma era irreperibile dall’1 ottobre 2018, quando a seguito di un permesso concessogli sino al 28 settembre 2018, non faceva rientro presso una comunità in provincia di Trapani.

In particolare, un equipaggio della Squadra Mobile, nel corso di un'attività svolta nel rione di San Leone, ha notato Gabriele Giuseppe Piterà a bordo di uno scooter Honda SH. Il giovane, alla vista degli agenti, ha tentato la fuga scagliandosi con il proprio mezzo contro il motoveicolo dei poliziotti. Nonostante tale manovra avesse provocato la caduta di entrambi i motoveicoli e dei relativi passeggeri, Piterà si è rialzato dandosi alla fuga a piedi, lungo il Corso Indipendenza ma è stato inseguito e bloccato in via La Marmora dagli stessi agenti, in seguito aiutati da altri equipaggi della Squadra Mobile.

A seguito dell’incidente causato da lui stesso, Piterà è stato accompagnato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele dove i sanitari hanno riscontrato una lieve ferita al dito della mano. Già qualche giorno prima, il 25 ottobre, notato alla guida di un veicolo a noleggio Piterà non si era fermato all’alt intimato da una pattuglia della sezione Contrasto al Crimine Diffuso, riuscendo, dopo un rocambolesco inseguimento per le vie del centro, a darsi alla fuga. Espletate le formalità di rito, l'uomo è stato associato presso la casa circondariale di Catania, piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle inseguimento in Corso Indipendenza, pregiudicato si scontra con la moto della polizia

CataniaToday è in caricamento